Libro "VB 2010 spiegato a mia nonna" (2)

Perché programmare?

La maggior parte delle persone che utilizza un computer è abituata a farlo in modo passivo, usando programmi scritti da altri e senza grandi possibilità di intervenire sui programmi stessi per adattarli alle proprie esigenze.
Conoscere la programmazione ci permette di essere più attivi nell’uso del computer e ci rende più consapevoli di cosa possiamo realizzare con questa macchina che da alcuni è definita “infernale”.
L’altra domanda che può sorgere subito dopo è: “cos’è esattamente la programmazione?”. In questo libro troverete una risposta esauriente a tale quesito, ma procediamo per gradi.
Ci occuperemo del mondo della programmazione adottando un approccio che può apparire simile alle esplorazioni dei vecchi pionieri, quando in passato, partivano alla scoperta di nuove terre e singolari tesori.
Come sapete, oggi numerosi apparecchi devono essere programmati: pensate, per esempio, a un televisore.

image

Figura 1.1 – Un televisore.

Un giorno comprate un televisore, lo togliete dall’imballaggio e lo collegate all’antenna e alla presa elettrica. Poi nella scatola trovate anche il telecomando: accidenti, quanti tasti!

image

Figura 1.2 – Un telecomando.

Escludendo i tasti con i numeri da zero a nove, il cui uso è quasi banale, forse saprete anche riconoscere i tasti per cambiare canale e per aumentare o diminuire il volume.
Probabilmente troverete anche il tasto per accendere e spegnere la televisione, ma non riuscite nemmeno a immaginare quali funzioni abbiano tutti gli altri tasti. Sui tasti ci sono dei simboli, ma cosa significano?
Provate ad accendere il televisore. Forse su qualche canale trovate, casualmente, una trasmissione televisiva ma di solito non trovate nulla o le trasmissioni non corrispondono al numero del canale. Ci aspettiamo che Rai 1 si trovi al primo canale del televisore e che Rete 4 si trovi sul quarto canale, ma generalmente dopo l’acquisto di un nuovo televisore, le cose non stanno così.
Ah, ma nella scatola c’è anche un libretto di istruzioni! Bene, lo mettiamo da parte mentre tentiamo di programmare i canali.
Abbiamo detto la parola magica: programmare. Infatti, i canali di un televisore devono essere programmati per svolgere correttamente il proprio lavoro.
Tornando al nostro televisore, probabilmente non siamo riusciti a fare molti progressi senza prima aver letto il libretto di istruzioni, a meno che il televisore non sia talmente lineare da poter essere programmato per tentativi. Di solito però non è così.
In alcuni casi il televisore è abbastanza evoluto da avviare automaticamente la funzione di scansione dei canali, cioè è in grado di autoprogrammarsi.
Scoraggiati, riprendiamo il libretto di istruzioni e iniziamo a leggerlo.
Saltiamo le parti che riguardano la sicurezza nell’uso dell’apparecchio perché sono
quasi uguali a quelle di altri dispositivi che abbiamo acquistato. Tralasciamo di leggere la garanzia (la leggeremo quando l’apparecchio non funzionerà) e anche le pagine sull’installazione dell’apparecchio (non ci vuole tanto, per attaccare una spina e il cavo dell’antenna). Cerchiamo il capitolo che spiega come programmare i canali e le immagini esplicative delle funzioni dei tasti del telecomando.
Di solito un libretto di istruzioni spiega passo passo, quali tasti debbano essere premuti e in quale ordine, per attivare qualsiasi funzione disponibile.
La procedura di programmazione dei canali può coinvolgere dei tasti posti direttamente sul televisore oppure, nella maggior parte dei casi, può richiedere l’uso del solo telecomando. In ogni caso, le spiegazioni dettagliate ci guideranno alla messa in funzione del nostro apparecchio televisivo.
Alla fine, con un minimo di attenzione e di pazienza, otterremo il risultato che ci eravamo prefissi: avere un televisore perfettamente funzionante, con i canali ben impostati e nell’ordine desiderato.
Leggendo il libretto di istruzioni, inoltre, riusciremo a capire il significato dei simboli indicati sul telecomando e quindi della funzione di ciascun tasto.
Dopo queste operazioni che nell’insieme chiamiamo “programmazione”, potremo utilizzare il televisore, digitando semplicemente i comuni tasti del telecomando, per accendere e spegnere l’apparecchio, per cambiare i canali, per modificare il volume e magari per leggere le notizie su Televideo.
Dopo aver programmato l’apparecchio, quindi, ci troviamo nelle condizioni di poter utilizzarlo come “utenti”.
Non è l’unico caso di apparecchio che deve essere programmato: pensiamo, per esempio, alla lavatrice, al videoregistratore, al decoder satellitare, alla radiosveglia, all’impianto hi-fi, alla lavastoviglie, al telefono cordless, al cellulare, all’impianto di allarme della casa, all’impianto di riscaldamento e ai termostati, al forno a microonde ecc.
Certo, nella maggior parte dei casi sopra citati, la programmazione si attua in poco tempo: da pochi minuti a un’oretta.
Inoltre, gli apparecchi che abbiamo menzionato hanno un limite alla loro programmabilità: possono essere utilizzati solo per la classe di funzioni prevista. Per esempio, non possiamo usare il forno a microonde per vedere una trasmissione televisiva, anche se in futuro qualcuno potrebbe pensare di unire queste due funzioni in un unico apparecchio, per risparmiare spazio in cucina. Non sarebbe una novità: pensiamo, per esempio, alle stampanti multifunzione che possono avere anche le funzionalità di scanner, di fax e di fotocopiatrice.
Diversa è la situazione relativa alla programmazione di un computer: un apparecchio programmabile con un’ampia classe di applicazioni pratiche.

(…segue…)

Fonte: Cap. 1 – libro “Visual Basic 2010 spiegato a mia nonna”, Edizioni FAG Milano, Autore Mario De Ghetto, 2011, http://bit.ly/NRO6Cn.

About these ads

Pubblicato il 16 luglio 2012, in Programmazione, VB2010SAMN, VS 2010 con tag , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 843 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: