Libro "VB 2010 spiegato a mia nonna" (12)

Programmazione orientata agli eventi

La programmazione orientata agli eventi è un particolare tipo di programmazione in cui il flusso del programma non segue un percorso sequenziale prestabilito dal programmatore, salvo che nei punti dove si effettua una ramificazione del percorso, a seguito di una scelta. Il flusso logico della programmazione a eventi è determinato, in gran parte, dal verificarsi di particolari eventi che influiscono sull’esecuzione del programma.

Quali sono questi eventi? Potremmo innanzi tutto classificare gli eventi in due principali categorie: gli eventi di sistema e gli eventi dell’utente.

Gli eventi di sistema sono tutti gli eventi generati dal sistema operativo o dall’hardware e rilevati dal sistema operativo: uno degli esempi più evidenti è il timer, poiché gli impulsi del timer scattano a intervalli regolari, in modo indipendente dall’utente.

Gli eventi dell’utente sono costituiti da tutti quegli eventi generati da un’azione dell’utente: uno spostamento del mouse, un clic su un pulsante, la pressione di un tasto della tastiera e altro.

La gestione degli eventi viene realizzata attraverso, appunto, dei gestori degli eventi.

Ciascun gestore di evento è associato al corrispondente evento e, al verificarsi di quest’ultimo, avvia l’esecuzione di una serie di istruzioni. Inoltre un evento può innescare a sua volta una serie di altri eventi a cascata, ciascuno dei quali viene processato dal corrispondente gestore di evento, e così via, finché tutta la coda degli eventi non si è esaurita.

La programmazione a eventi è in genere utilizzata nell’ambito delle interfacce grafiche
e non è quindi un caso che abbia visto la luce con i primi linguaggi visuali, come Visual Basic per Windows.

Visual Basic 2010, come i suoi predecessori, aderisce anche al paradigma della programmazione orientata agli eventi e quindi in quasi tutti gli esempi di questo libro vedremo del codice contenuto nei gestori degli eventi.

Un breve esempio di codice con il gestore di un evento Click di un pulsante (Button1) è il seguente (Figura 1.6):

Esempio 01.02
Public Class CiaoMondo
Private Sub Button1_Click(
ByVal sender As System.Object,
ByVal e As System.EventArgs) _
Handles Button1.Click
MessageBox.Show(“Ciao a tutti!”)
End Sub
End Class

 

image

Figura 1.6 – L’applicazione Windows Forms
“CiaoMondo” in fase di sviluppo.

Nota – No, nonna, il computer non può dirti “salute!” quando starnutisci: non è un evento che il computer può riconoscere. Uhm … non può? Però, adesso che ci penso …

(…segue…)

Fonte: Cap. 1 – libro “Visual Basic 2010 spiegato a mia nonna”, Edizioni FAG Milano, Autore Mario De Ghetto, 2011, http://bit.ly/NRO6Cn.

About these ads

Pubblicato il 26 luglio 2012, in Programmazione, VB2010SAMN, VS 2010 con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 846 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: