Libro "VB 2010 spiegato a mia nonna" (62)

Debug

In questa sezione è possibile, tra le molte proprietà disponibili, definire i parametri della linea di comando da preimpostare (Figura 3.41).

image

Figura 3.41 – Proprietà – Sezione Debug.

Questa funzionalità può essere utile per dare la possibilità all’utente di passare dei parametri all’avvio dell’applicazione compilata e di simulare tale comportamento anche in fase di debug.

Riferimenti (References)

Questa sezione elenca tutti i riferimenti ai namespace del Framework .NET (Figura 3.42).

image

Figura 3.42 – Proprietà – Sezione riferimenti.

È possibile aggiungere o eliminare dei riferimenti e, con il pulsante Riferimenti inutilizzati (Unused References), trovare quali riferimenti siano inutilmente inclusi nell’applicazione.

Consigliamo di togliere la spunta al riferimento relativo al namespace Microsoft.VisualBasic. lasciare questo riferimento vuol dire poter utilizzare ancora delle istruzioni e delle funzioni di Visual Basic 6.0, rischiando di non usare in modo appropriato le classi del Framework .NET. Questa modalità può, apparentemente, recare il vantaggio di utilizzare una sintassi che già si conosce bene (almeno a chi ha programmato in Visual Basic 6.0 per molti anni), ma a medio-lungo termine è un vantaggio che non paga.

Togliendo il riferimento Microsoft.VisualBasic perderemo la possibilità di utilizzare delle istruzioni specifiche di Visual Basic 6.0, anche se questo namespace sarà ancora utilizzato internamente nelle parti dove realmente è necessario. eventuali istruzioni specifiche che non esistono nel Framework .NET (come ReDim, per ridimensionare un array), possono ancora essere utilizzate specificando per intero il namespace Microsoft.VisualBasic, seguito dal nome della funzione desiderata.

l’utilizzo del namespace Microsoft.VisualBasic è opportuno nella fase di migrazione di un progetto da Visual Basic 6.0 a Visual Basic .NET (in qualsiasi versione). Infatti, tale namespace consente di utilizzare le “vecchie” istruzioni e funzioni VB6, permettendo al programma convertito di funzionare ancora (più o meno…) e a noi di convertire gradualmente le istruzioni in perfetto stile .NET.

(…segue…)

Fonte: Cap. 3 – libro “Visual Basic 2010 spiegato a mia nonna”, Edizioni FAG Milano, Autore Mario De Ghetto, 2011, http://bit.ly/NRO6Cn.
Potete acquistarlo anche su Amazon.it!

About these ads

Pubblicato il 13 settembre 2012, in Programmazione, VB2010SAMN, VS 2010 con tag , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 844 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: