BUON 2019

buonanno-2019-windowsteca

Il mio libro "OFFICE 2016 per principianti" … sfogliabile!

Alla seguente pagina potete acquistare il mio libro “sfogliabile” e scaricabile in PDF (270 pagine al prezzo di 2,99 €):
https://www.sfogliami.it/fl/175898/hbypbg3vypy8f6p6r45gudtr94sv6gzd

Il libro spiega come iniziare a usare Microsoft Office 2016 e, nel dettaglio, le applicazioni Word ed Excel: un libro molto utile per studenti di ogni ordine e grado, per utenti casalinghi, per impiegati e magari anche per persone che devono partecipare alla prova pratica di informatica nei concorsi pubblici.

Winking smile


image



Un po’ di somme del 2018 e buoni propositi del 2019…

Approssimandosi la fine del 2018 bisogna tirare le somme e darsi dei nuovi obiettivi. Il 2018, come gli ultimi anni, dal punto di vista di uno “scrittore tecnico” non è stato granché:

  1. rilevo sempre di più un “abbandono” dei libri cartacei, aggravato dal fatto che i prodotti software si aggiornano sempre più velocemente: quando un libro tecnico è pronto, è già vecchio perché è uscita una nuova versione (o anche “n” aggiornamenti della stessa versione)
  2. le riviste di programmazione italiane non esistono più. Regge ancora l’ambito dell’elettronica, dove riviste come “Elettronica In” lavorano ancora, ma il mio primo esperimento di articolo “misto elettronica+sviluppo in Visual Studio” è stato consegnato a fine settembre e non è ancora stato pubblicato;
  3. le applicazioni (a pagamento) dallo Store di Microsoft per Windows 10 non hanno un così grande ritorno da essere convenienti. Ho tentato anche di creare una sorta di “libro digitale” in un’applicazione MS Store per Windows 10, ma i numeri sono veramente piccoli piccoli.

Vedo però che continuo a ricevere e-mail di apprezzamento per i libri e articoli che ho scritto in passato e, spesso, anche richieste di altri articoli e libri e quindi non voglio lasciare insoddisfatte queste richieste.

Dal 1° gennaio 2019 in poi, quindi, mi preparerò per una nuova modalità di distribuzione dei miei testi (articoli e/o libri), oltre che attraverso il solito canale dei libri autoprodotti con Amazon: si tratta del canale offerto dal sito http://www.sfogliami.it: con questo sito potrò pubblicare i testi in formato digitale e questi saranno fruibili sfogliandoli direttamente sullo schermo, come uno dei tanti quotidiani e notiziari che ormai hanno scelto questa forma di pubblicazione.



Con l’acquisto di un testo offrirò anche la possibilità di scaricare il testo stesso in formato digitale, in modo da poterlo fruire in qualunque modo voi desideriate (PC, tablet, smartphone o anche cartaceo se volete stamparvelo).

Per ciascun testo (articolo o libro) fisserò un prezzo proporzionale ai contenuti (lunghezza e complessità), ma limitandolo al minimo, visto che non ci sono particolari costi da affrontare (non ci sono costi di carta, stampa, distribuzione, del revisore, del grafico, del tipografo ecc. ecc.).

Sperando di incontrare così i vostri gusti e il vostro interesse, colgo l’occasione di questo post per augurare a tutti voi


B U O N         2 0 1 9 !!!

Tanti auguri di buon Natale 2019!

BuonNatale2019

Nuova edizione 15.9 di Visual Studio 2017

Eccoci giunti all’ultima versione (15.9) di Visual Studio 2017. È il capolinea: dopo questa versione, saranno resi disponibili solo pacchetti di aggiornamento di servizio con la versione secondo lo schema 15.9.x e quindi non ci saranno ulteriori funzionalità.

L’annuncio dell’aggiornamento si trova come al solito nel blog del team di sviluppo di Visual Studio e precisamente a questo indirizzo:

https://blogs.msdn.microsoft.com/visualstudio/2018/11/19/visual-studio-2017-version-15-9-now-available/?utm_source=vs_developer_news&utm_medium=referral.

Nella pagina sono indicate alcune nuove caratteristiche dell’aggiornamento, oltre che altri link utili per avere ulteriori notizie e il link per effettuare l’aggiornamento:

https://visualstudio.microsoft.com/downloads/

Ovviamente l’aggiornamento può essere effettuato anche direttamente dall’interno di Visual Studio 2017 con le consuete modalità.

image


E dopo questo aggiornamento? Non preoccupatevi, Visual Studio 2019 è già stato annunciato e iniziano a essere disponibili le prime preview.

Non resta che installare l’aggiornamento di Visual Studio 2017 e, se vorrete, appena possibile potete installare anche Visual Studio 2019 Preview “side-by-side”, perché le due versioni sono installabili in contemporanea senza (auspicabilmente) arrecare danno una all’altra.

Buon download, buona installazione e buona esplorazione!

Winking smile

Grandi novità dal mondo Microsoft!

Finalmente l’annuncio dell’uscita di aggiornamenti di molti prodotti di punta di Microsoft:

  • Windows Server 2019
  • Aggiornamento 1809 di Windows 10 denominato “Windows 10 October 2018 Update”
  • Office 2019

WindowsServer2019

(N.B. immagine non ufficiale)


A parte l’aggiornamento di Windows 10 che non appare tra i prodotti scaricabili da MSDN, forse perché alcuni siti hanno segnalato problemi avuti da qualche utente, gli altri sono già scaricabili e installabili. Se fate l’aggiornamento, quindi, fate attenzione agli eventuali avvisi di incompatibilità (pare che il problema sia un driver di Intel) per evitare che il computer diventi inutilizzabile o che si perdano dati e documenti (fate i backup!).

Office365

Trovo particolarmente interessante Office 2019 che potrebbe essere l’ultima versione “a pacchetto”, perché sembra che le intenzioni di Microsoft siano quelle di spingere verso l’edizione online (OFFICE 365) per garantire aggiornamenti immediati, con correzione di bug “al volo” e introduzione di nuove caratteristiche di volta in volta che vengono rilasciate. Questo significherebbe la stabilizzazione del marchio OFFICE 365 a scapito delle edizioni annuali (“Office 2013…2016…2019”), così come è stato fatto con Windows 10, dove gli aggiornamenti modificano la build ma non il “nome di base” WINDOWS 10.

A questo punto mancano solo due altri tasselli per un rinnovo totale del mio “ecosistema” informatico: l’aggiornamento a Visual Studio 2019 (già in corso d’opera e che ha avuto già qualche accenno di annuncio) e l’aggiornamento di SQL Server (al momento l’ultima versione è la 2017, quindi è probabile che non ci saranno ulteriori aggiornamenti a breve… vedremo).

Bene, tutti a fare il download e mi raccomando: sempre avanti, chi si ferma è perduto!

Winking smile


ULTIM’ORA PER WINDOWS 10

https://support.microsoft.com/…/windows-10-update-history
“We have paused the rollout of the Windows 10 October 2018 Update (version 1809) for all users as we investigate isolated reports of users missing some files after updating.”


“ULTIMA ULTIM’ORA” PER VISUAL STUDIO 2019 E LA RELEASE 15.9 DI VISUAL STUDIO 2017

Oggi è giornata di aggiornamenti vari delle notizie che ho pubblicato… Nel tempo trascorso scaricando e installando Office 2019 ho visto un nuovo post relativo a Visual Studio 2019 e quindi ve lo riporto subito

https://blogs.msdn.microsoft.com/visualstudio/2018/10/05/visual-studio-2017-and-visual-studio-for-mac-support-updates/

#4 Ottenere l’indirizzo IP [== AGGIORNATO ==]

Questo era un post che avevo pubblicato in questo blog ben 10 anni fa e ora lo riprendo perché è opportuno che venga modificato qualcosa…

In particolare il metodo Dns.GetHostByName() è deprecato e quindi bisogna utilizzare un codice diverso. Quello che vi consiglio io è questo:

Private Function GetIPv4Address() As String
    GetIPv4Address = String.Empty
    Dim strHostName As String = System.Net.Dns.GetHostName()
    Dim iphe As System.Net.IPHostEntry =
  System.Net.Dns.GetHostEntry(strHostName)

    For Each ipheal As System.Net.IPAddress In iphe.AddressList
        If ipheal.AddressFamily =
  System.Net.Sockets.AddressFamily.InterNetwork Then
            GetIPv4Address = ipheal.ToString()
            If GetIPv4Address.Substring(0, 7) = "192.168" Then
                Return GetIPv4Address
            End If
        End If
    Next
End Function

Ho sperimentato vari metodi, ma l’unico che ho trovato che permetta di estrarre un indirizzo IPv4 (in particolare l’indirizzo locale 192.168.xxx.xxx) è quello di questa variante.

Se togliete il test sulla stringa “192.168 è probabile che invece vi venga presentato l’indirizzo IP che il router ADSL ha sulla rete esterna.

[VECCHIO TESTO]:

Per ottenere l’indirizzo IP della macchina (collegata in rete) sulla quale gira il programma, ecco una soluzione valida per Visual Basic 2005:

Private Shared Sub NamedSub() 
  Dim loip() As System.Net.IPAddress = _ 
    System.Net.Dns.GetHostAddresses(System.Net.Dns.GetHostName) 
  Dim ip As String = loip(0).ToString 
  MessageBox.Show(ip) 
End Sub

E’ possibile ottenere altre informazioni sulla connessione di rete leggendo questo articolo pubblicato su MSDN

Il metodo usato in Visual Basic 2003 è obsoleto e da evitare:

Dim ip As String = _ 
System.Net.Dns.GetHostByName(System.Net.Dns.GetHostName) 
.AddressList(0).ToString 

N.B.: l’istruzione deve essere scritta tutta su una singola riga

Visual Studio 2017 si aggiorna…

Vi sarete accorti che gli aggiornamenti di Visual Studio 2017 sono ripresi a ritmo serrato: dopo la versione 15.8.2 che ha portato qualche problema critico, sono state rilasciate rapidamente le versioni 15.8.3 e l’attuale 15.8.4.


image


Naturalmente non ci si ferma mai, quindi ecco anche il post dal blog del Team di sviluppo di Visual Studio, con l’annuncio della nuova Preview (Visual Studio 2017 version 15.9 Preview 2):
https://blogs.msdn.microsoft.com/visualstudio/2018/09/11/visual-studio-2017-version-15-9-preview-2/?utm_source=vs_developer_news&utm_medium=referral

Visual Studio Installer showing Windows 10 Preview SDK as optional


Buon aggiornamento!

Winking smile

GANTT per MS Access – Aggiornamento

Testo originale in https://deghetto2.wordpress.com/2008/03/04/access-diagrammi-di-gantt-con-access/:

Sul sito Microsoft (portale per le PMI) è disponibile un articolo che spiega come è possibile creare diagrammi di Gantt con Access per la pianificazione di progetti. Dalla stessa pagina è possibile scaricare un file PDF con l’intero articolo e un file .zip con il database Access di esempio.

AGGIORNAMENTO del 9 settembre 2018

A quanto pare l’articolo è stato tolto, ma del resto era un articolo di almeno 10 anni fa e quindi piuttosto superato anche rispetto alle versioni di MS Access.

Per ovviare a questo problema, ammesso che nessuno comprensibilmente abbia scaricato il testo integrale e l’esempio, un’idea potrebbe essere quella di installare un add-in per Access come questo: https://download.cnet.com/Gantt-Chart-Builder-Access/3000-2076_4-10074558.html.

Attenzione: dato che il software viene scaricato gratuitamente da un sito che non è lo Store di Microsoft non garantisco né per il funzionamento, né per eventuali effetti collaterali negativi (compatibilità, errori, malware ecc.).


Storica rivista "Nuova ELETTRONICA"

Vi segnalo un’altra rivista, ormai chiusa da molti anni, ma che ha dato molto alla divulgazione in Italia nell’ambito dell’elettronica: “Nuova ELETTRONICA“.



Nel sito di Roberto Bizzarri sono presenti tutti i 250 numeri della rivista, da quello di agosto 1969 a quello di settembre/ottobre 2012, nonché varie monografie su temi specifici, tutti liberamente scaricabili in PDF (il lavoro di scansione deve essere stato imponente…).

Ovviamente molti progetti saranno ormai superati dalle nuove tecnologie (nuovi componenti, circuiti integrati, schede programmabili ecc.), però dal punto di vista didattico è sempre una buona base.

Peccato che i kit che venivano venduti a supporto degli articoli non siano più disponibili, salvo che non li troviate su eBay da qualche vecchio amatore oppure in qualche negozio di elettronica (anche online) che ha ancora qualche rimanenza di magazzino.

Buona lettura!
Winking smile

Rivista "FARE ELETTRONICA"

E’ un periodo in cui faccio molte scoperte… questa volta tocca a una rivista di elettronica che non avevo mai visto prima: “FARE ELETTRONICA“.

FE


La rivista esiste ormai da parecchi anni e mette a disposizione i numeri dal 2003 al 2017 gratuitamente, previa iscrizione al sito. Per quanto riguarda l’iscrizione, vengono richiesti pochi dati e, nel mio caso, ho avuto qualche problema nel completare l’iscrizione. Infatti il mio cognome “DE GHETTO” contiene la parola “ghetto” che il sistema non gradisce in quanto (così dice) lo ritiene un tentativo di spam o qualcosa di simile. E’ stato sufficiente togliere lo spazio intermedio (“DeGhetto”) per riuscire a finire la procedura di iscrizione. Dopo l’accesso ho poi potuto correggere il cognome (solo il nome utente non è modificabile) e il successivo salvataggio è andato a buon fine.

Dai primi anni in cui sono disponibili ben 12 numeri per ogni anno (uno al mese) si passa purtroppo al 2017 dove di numeri ce ne sono solo 5 (ogni due mesi, saltando qualche mese).

Per quanto riguarda i numeri del 2018, il download non è ancora disponibile. E’ possibile che vengano pubblicati di volta in volta nel riquadro verde presente sulla parte destra della pagina (attualmente è scaricabile senza iscrizione il numero di giugno/luglio 2018) e poi, dopo il termine dell’anno, che vengano pubblicati nella sezione delle ANNATE (in questo caso 2018).

Comunque sia, attualmente sono scaricabili (salvo errori) 139 numeri della rivista, dal 2003 al 2017, tenendo conto che qualche numero (non molti) mi ha dato errore durante il download.

Buona lettura!

Winking smile


Rivista "The MagPi" gratuita

Ho appena scoperto la rivista “The MagPi” con articoli riguardanti Raspberry Pi (ovviamente in inglese): https://www.raspberrypi.org/magpi/.


image

Per 55 sterline è possibile ricevere per 12 mesi la rivista cartacea e, con il primo numero, anche il kit con Raspberry Pi Zero W. Alternativamente è possibile fare una sottoscrizione gratuita e in tal caso riceverete la rivista in PDF direttamente in casella e-mail (https://magpi.raspberrypi.org/subscribe).

Avanti, c’è posto!

Winking smile

666.000 visite al mio blog proprio … ora!

Grazie a tutti i visitatori di questo blog e in particolare al 666.000° (non so se abbia senso, ma va bene così)!

VisiteBlog666000

Continuate così, grazie!

Winking smile

Intelligenza Artificiale (AI) – un articolo interessante

Se siete interessati ad argomenti come computer quantico, intelligenza artificiale, servizi cognitivi (Cognitive Services), Machine Learning e così via, con le opportunità e i rischi che saranno affrontati in un futuro non molto lontano, vi consiglio di leggere questo lungo articolo:

https://www.ai4business.it/intelligenza-artificiale/intelligenza-artificiale-cose/

Spiega molto bene cos’è l’intelligenza artificiale e gli sviluppi della tecnologia in questo vasto campo.

AI

Una grande novità che mi rende felice!

Bene, ora posso dirlo: dopo la chiusura della rivista ioProgrammo (mi è dispiaciuto molto della perdita di questo ultimo baluardo cartaceo italiano della programmazione generalista, dovuto probabilmente a una gestione poco accorta) e dopo aver trascorso questi mesi un po’ bloggando, un po’ studiando (MOLTO studiando!), un po’ navigando in Internet alla ricerca di nuovi lidi, ora ho trovato un nuovo “porto” dove sfogare la mia creatività!

Vi annuncio quindi che ieri ho firmato il contratto di collaborazione con Futura Group, editrice tra l’altro della rivista “ELETTRONICA IN”, una realtà italiana che esiste ormai da qualche decennio e che secondo me fa un egregio lavoro nell’ambito dell’elettronica, ma anche della programmazione, seppure orientata ai sistemi elettronici, alle schede con microcontroller (per esempio Arduino e Raspberry) e ora anche IoT.


image

image


Io mi dedicherò a “progetti misti” di “elettronica didattica” + programmazione, con qualche progettino interessante.

Nel tempo farò uso di schede Arduino e Raspberry, di componenti e sensori di vario genere, di ambienti di sviluppo dedicati o di Visual Studio, di Windows IoT Core e magari anche del cloud Azure: di idee ce ne sono tante, mi serve solo un po’ di tempo per metterle in ordine e svilupparle.

Ringrazio di cuore chi mi ha dato fiducia, rispondendo immediatamente alla mia candidatura e fornendomi tutte le informazioni necessarie per iniziare questa nuova avventura. Spero di non deludere le vostre aspettative!

A presto! Winking smile

Ancora Microsoft MVP per la 10^ volta!

Ebbene sì, anche quest’anno, come tutti gli anni dal 2008 ad oggi, ho ricevuto il premio di Microsoft con la nomina a “Microsoft MVP” per la categoria “Visual Studio and Development Technologies”.

Il premio è un importante riconoscimento di livello internazionale, perché assegnato o confermato da Microsoft Corp. dopo una lunga e complessa valutazione di tutti gli MVP in scadenza annuale o dei nuovi candidati alla nomina. La valutazione considera tutti i contributi forniti dal candidato in termini di: partecipazione alle community tecniche (forum, pubblicazioni, problem solving…), pubblicazione di post nel proprio blog, articoli, libri, applicazioni open source e non, partecipazione come relatori a convegni e altri eventi e così via.

Per avere un’idea di cos’è un MVP potete dare un’occhiata al portale https://mvp.microsoft.com/it-it… qui trovate un grande riquadro “Scopri di più sul programma” e un altro riquadro “Candida un MVP oppure te stesso!”. Nella pagina “Scopri di più sul programma” possiamo leggere quanto segue:


image

image

image

image


Ringrazio Microsoft per questo importante riconoscimento che mi stimola a cercare di fare sempre di più e meglio, cercando sempre di imparare cose nuove, tenendomi aggiornato. Senza contare la possibilità di rimanere costantemente in contatto con altre persone straordinarie in giro per il mondo. Un ringraziamento particolare a Cristina Gonzales Herrero, MVP Lead per l’area europea, per la sua sempre pronta disponibilità e per il suo grande impegno nel ruolo di “collante” tra gli MVP e Microsoft.

Ora è tempo di vacanze e anch’io, tra pochissimi giorni, mi assenterò quasi del tutto dalla rete per godermi 15 giorni di meritato riposo.

Da fine luglio tornerò più carico di prima e con la voglia di fare qualcosa di concreto per diffondere informazioni tecniche sempre aggiornate e all’avanguardia. Quali saranno gli obiettivi a breve e medio termine? E’ presto detto: mi voglio impegnare su vari fronti come il nuovo Visual Studio 2019 (quando arriverà qualche informazione più completa), IoT ed elettronica (con Windows IoT Core per Raspberry Pi ma anche Visual Studio abbinato ad Arduino), Cognitive Services (per esempio per il riconoscimento vocale).

Poi, in progressione, andrò avanti ad aggiornare e completare le mie app per lo Store: in questo periodo sto cercando di convertire alcune app alla piattaforma UWP nativa, anche se ci sono delle librerie di terze parti che mi stanno rendendo la vita difficile… Se tutto andrà a buon fine (come spero), avrete la possibilità di leggere miei articoli e libri all’interno di app UWP graficamente gradevoli e con funzionalità molto user friendly.

Quindi, buone vacanze a tutti voi e a presto!

Winking smile


Annunciato il nuovo Visual Studio 2019

E’ ancora presto per sapere come cambierà Visual Studio nella versione 2019, ma intanto è uscito il primo annuncio:

https://blogs.msdn.microsoft.com/visualstudio/2018/06/06/whats-next-for-visual-studio/

image


Una novità è anche il fatto che il nome del prodotto sia già definito in fase di annuncio: infatti, in tutte le precedenti versioni si è sempre parlato del nome in codice o del numero di versione (questo dovrebbe essere Visual Studio 16), mentre questa volta il nome Visual Studio è già associato alla versione 2019, il ché fa pensare a una tempistica di rilascio abbastanza stringente.

Vedremo prossimamente cosa succederà… intanto aspettiamo.

Restate sintonizzati! Winking smile

Nuova modalità di aggiornamento di Visual Studio 2017

Come ormai sarà noto a quasi tutti quelli di voi che utilizzano Visual Studio 2017 per sviluppare applicazioni, da un po’ di tempo in qua gli aggiornamenti di Visual Studio 2017 sono diventati molto ma molto più frequenti che in passato.

Pur trattandosi sempre di Visual Studio 2017, le versioni si susseguono ormai molto rapidamente, anche dopo 2-3 giorni dal rilascio precedente: ora siamo alla versione 15.6.4 (vi ricordo che Visual Studio 2017 è anche, in codice, Visual Studio “15”), ma la prossima settimana potremmo fare un nuovo balzo in avanti di una o due versioni.

Questi rilasci così frequenti servono a correggere i molti bug che necessariamente un’applicazione così complessa introduce nella sua miriade di componenti, di moduli e di elementi di ogni genere.

Ogni tanto c’è anche qualche nuova caratteristica che ci semplifica la vita: per esempio, di recente è cambiato qualcosa nell’installer del prodotto. Infatti, avviando l’installer per effettuare un nuovo aggiornamento, appare una schermata come questa:


image


Come potete vedere sono indicate la versione correntemente installata e la nuova versione che sarà installata con l’upgrade.

L’aspetto interessante è che potete cliccare su Update Now senza chiudere il lavoro sulla soluzione che avete aperto: come indicato nell’avviso che vedete nella parte inferiore della finestra, “Visual Studio salverà il vostro lavoro, si chiuderà e si riaprirà.”, tutto questo automaticamente, senza che voi dobbiate preoccuparvi di nulla.

Una volta cliccato sul pulsante Update Now, apparirà un’altra finestra come questa:


image


Questa finestra avvierà effettivamente l’aggiornamento di Visual Studio, fornendovi le indicazioni della progressione dell’installazione e avvisandovi anche che Visual Studio sarà riavviato automaticamente dopo il completamento.

Un’altra comoda caratteristica di Visual Studio! Ne sentivamo la mancanza? Forse no, ma visto che c’è, non mi sembra nemmeno una brutta cosa!

Happy coding!  Winking smile

GARAGE40: facciamo il punto della situazione…

Da quando ho iniziato a lavorare, quasi un anno fa, sui miei progetti di applicazioni realizzate con l’etichetta “Garage40”, utilizzando Visual Studio 2017 e pubblicando le app su Microsoft Store, le attività sono diventate via via più frenetiche e le idee sono arrivate in grande quantità.

garage40_0 -


All’inizio non è stato facilissimo, perché ci sono stati dei problemi tecnici, soprattutto sull’utilizzo di librerie esterne che non permettevano di completare il processo di certificazione dello Store MS. Una volta risolto il problema tecnico principale, è stato un crescendo e tuttora i progetti viaggiano come un treno ad alta velocità.

Ma vediamole queste app (che potete trovare raggruppate in questa pagina: https://www.microsoft.com/it-it/store/search/apps?q=garage40):

  1. Garage40 TheVoice (in lingua inglese): una semplice applicazione che permette di inserire un testo in una grande casella e di far riprodurre il testo con la voce sintetizzata del computer, in qualunque lingua vogliate (è sufficiente installare la lingua desiderata su Windows 10 per poter utilizzare una voce in più). Questa applicazione è e resterà per sempre gratuita: infatti vi permette di provare la funzionalità di lettura a voce che poi ho riutilizzato in altri due progetti (Garage40 Write e Garage40 Calc);
  2. Garage40 Write (in lingua inglese): questa app è una evoluzione della app Garage40 TheVoice. Infatti, oltre alla capacità di leggere a voce un testo, permette di aprire, creare, modificare e salvare un testo con un editor abbastanza simile a MS Word (ovviamente senza alcune funzionalità più avanzate);
  3. Garage40 Calc (in lingua inglese): anche in questo caso ho sfruttato l’esperienza fatta con le precedenti due app per la lettura a voce del testo, ma in questo caso si tratta di una app abbastanza simile a MS Excel (anche qui senza le funzionalità più avanzate);
  4. Garage40 Office 2016 (in lingua italiana): questa app fornisce un testo, costituito da alcuni capitoli, per iniziare a utilizzare Office 2016, Word ed Excel;
  5. Garage40 Visual Basic (in lingua italiana): per molti anni (dal 2006 al 2017) ho scritto parecchi libri di programmazione e articoli tecnici per la rivista ioProgrammo, ma anche per questo blog. Ora che l’editoria vede da un po’ di tempo il calo di vendite di libri e che anche la rivista ioProgrammo ha sospeso le uscite, dovendo sfogare la mia voglia di scrivere, ho pensato di creare una app per rendere disponibile un testo didattico sulla programmazione in Visual Basic. Il testo non è finito, avrà una progressione di capitolo in capitolo e magari anche con altre forme: articoli, frammenti di codice e così via. Questo è il motivo per cui inizialmente l’app è stata distribuita gratuitamente, poi il prezzo è cresciuto (di pochissimo) e crescerà di circa 50 centesimi ogni due settimane fino a un massimo (credo) di 5,99 Euro. L’obiettivo è continuare a divulgare le tecniche di programmazione e di non disperdere l’esperienza fatta negli anni;
  6. Garage40 Csharp (in lingua italiana): questa sarà una app “gemella” di Garage40 Visual Basic, con un testo simile ma ovviamente adattato allo specifico linguaggio;
  7. Garage40 Fsharp (in lingua italiana): in questo caso è tutto da costruire, perché libri in italiano non ce ne sono e anch’io prima d’ora non avevo scritto un libro su questo argomento (al massimo qualche articolo o post sul mio blog). Pian piano anche questo testo crescerà in contenuti che spero vi possano interessare;
  8. Garage40 Elettronica (in lingua italiana): qui andiamo in un ambito completamente diverso, anche se con la stessa tecnica espositiva e con le stesse intenzioni. Sarà un testo divulgativo sulla creazione di progetti di elettronica “da zero”, utilizzando semplici componenti, le schede Arduino e Raspberry e un po’ di creatività. Alcuni contenuti riguarderanno l’interazione tra la scheda Arduino e Visual Studio, quindi anche in questo caso sfogherò la mia voglia di programmazione, spero anche la vostra.

Tutte queste app sono destinate a PC desktop con installato Windows 10, perché sono distribuite esclusivamente via Microsoft Store.

Non finisce qui, perché voglio espandere ulteriormente le app distribuite con l’etichetta “Garage40”. Le idee sono tante e qualcuna vi piacerà senz’altro, vediamole:

  1. conversione di documenti Word .docx in .doc: nel mese di aprile 2018 Microsoft ritirerà l’add-in che permette di aprire, modificare e salvare anche nelle versioni MS Word “vecchie” (97-2003) documenti Word nel nuovo formato DOCX (disponibile dalla versione 2007 in poi). Ecco quindi che potrebbe esserci qualche problema per chi non ha aggiornato Office alle versioni più recenti (se non l’avete fatto finora, difficilmente lo farete poi…?). Se utilizzate Windows 10 almeno su un PC (per esempio su un portatile), con questa app potrete almeno aprire il documento (DOCX) e salvarlo in una versione precedente (DOC);
  2. conversione di documenti Excel .xlsx in .xls: stessa considerazione anche per i formati XLSX e XLS;
  3. visualizzatore di file PDF: permetterà di aprire un file PDF e di leggere il testo;
  4. visualizzatore di file Word: permetterà di aprire i file con un formato di Word (solo in lettura);
  5. visualizzatore di file Excel: permetterà di aprire i file con un formato di Excel (solo in lettura);
  6. visualizzatore di file CSV (campi separati da virgola): permetterà di aprire un file di dati in formato CSV e di manipolarlo in vari modi (ricerche, sostituzioni ecc.);
  7. visualizzatore di immagini: permetterà di aprire e visualizzare vari tipi di immagine (solo in lettura);
  8. visualizzatore di vari tipi di file: permetterà di aprire e visualizzare vari tipi di file (solo in lettura), con possibilità di espansione a numerosi formati;
  9. convertitore tra vari tipi di file: permetterà di convertire i file in formati predefiniti in altri formati, laddove sia possibile.

Ci saranno altri tipi di app in futuro? Presumo di si, perché ho già altre idee: una app che simula una calcolatrice da tavolo (con tanto di nastro di “carta”), un classificatore di immagini, una app per gestire i documenti delle garanzie di apparecchi acquistati, una app per monitorare i costi di utilizzo di una o più autovetture… Le possibilità sono infinite, ovviamente, ma accetto anche suggerimenti (basta mettere un commento sotto a questo post).

Se le mie idee vi piacciono, mi farete un grande favore nel condividere la pagina di Facebook https://www.facebook.com/garage40sw/: più questo indirizzo “gira” in Rete e più riuscirò ad arrivare ovunque per far conoscere le mie applicazioni.

Grazie per il supporto!

Winking smile

Aggiornamento alla versione 15.5.6 di Visual Studio 2017

Eccoci alla versione 15.5.6 di Visual Studio 2017: gli aggiornamenti non sono mai stati così frequenti come in questi ultimi mesi!

Sicuramente un vantaggio per chi aspetta la correzione di una caratteristica malfunzionante, ma anche una preoccupazione e talvolta un fastidio per chi vorrebbe aggiornamenti meno frequenti e versioni più stabili nel tempo.

Ovviamente non si può avere tutto e quindi ci prendiamo il nostro tempo per aggiornare VS 2017, magari quando stiamo facendo qualcos’altro.

Il nuovo aggiornamento ha una piccola ma interessante novità: avviandolo, come sempre partirà l’installer che ormai conosciamo bene e che ci aiuta a gestire aggiornamenti, aggiunte e rimozioni di caratteristiche di Visual Studio. Questa volta, però, vedrete apparire questa nuova finestra:


image


La finestra spiega in modo chiaro qual è la sua funzione: possiamo chiudere l’istanza di Visual Studio e premere il pulsante Riprova, oppure possiamo cliccare su Continua e in tal caso sarà l’installer a preoccuparsi di salvare lo stato dei processi, a chiuderli e poi a ripristinarli con lo stato precedente, al termine dell’installazione. Decisamente utile e comodo.

Buon aggiornamento!  Winking smile

Sistema operativo su DVD: quale versione?

A quanti è capitato di avere più di un DVD di installazione di Windows 10 e di non sapere quale è quello in versione più recente o di una versione specifica?

Per risolvere questo problema vi consiglio di visitare questa pagina, sul blog di Ermanno Goletto:

https://www.devadmin.it/2018/01/28/controllare-la-versione-del-sistema-operativo-presente-nelliso/


Buona lettura! Winking smile

Ora sì! Installiamo l’aggiornamento 1801.27 dell’add-in "Arduino for Visual Studio" di Visual Micro

A quanto pare ci siamo!

In un mio post del 17 gennaio avevo scritto di non installare l’aggiornamento di Visual Micro dell’add-in “Arduino for Visual Studio”: infatti la documentazione ufficiale riportava le note di rilascio con il testo barrato e quindi non era dato sapere se l’aggiornamento fosse funzionante o se introducesse ulteriori problemi. Io l’avevo installato per un breve test e tutto sembrava funzionare ma…

Avviando Visual Studio 2017 vedrete apparire un messaggio di avvertimento sulla possibilità di aggiornare l’add-in:

2018-01-28_11-51-52

Potete scaricare il nuovo aggiornamento dalla pagina ufficiale, oppure utilizzare la finestra Notifications di Visual Studio 2017: in ogni caso vi consiglio di fare questo aggiornamento, non si sa mai.

Nell’aggiornamento sono inclusi i soliti bug fix, ma anche qualche caratteristica in più:


Release 1801.27 – 27th Jan 2018 – Visual Studio 2012-2017

  • Workaround Visual Studio VSIX bug that suddenly refuses to include newtonsoft.json dll in the VSIX. This is the reason the last release was retracted.
  • Copy sub folders when copying/cloning library examples
  • Support the creation of projects with name containing period (dot)
  • Allow libraries to compile even if they specify an incompatible architecture= in the library.properties settings. Many libraries specify only “avr” when they actually do work with other architectures. The supposedly incompatible libraries will not be displayed on “Add Library” menus but adding #includes will enable intellisense and compile.
  • Add clearer messages when library headers can not be resolved.
  • Code efficiency: Prevent various internal code exceptions with better validation
  • Fix: Upload failed for Boards that did not use a programmer or a com/ip port to upload when a user had never previously connected a COM port whilst using Visual Micro.
  • Fix: Certain STM32 cores (any core that included both a wpogram.h and an arduino.h) would fail to compile. Visual Micro will now use the “arduino.h” if it exists in preference to the “wprogram.h”. This applies to the automatic #include created in the temp folder during compilation. If neither file exists in the core folder then the “arduino.h” is #included (and would be expected to be resolved via the automatically discovered include paths).
  • NB: Visual Micro uses the standard C# SerialPort object in the serial monitor. Some USB/Serial drivers are specified for Windows10 Universal only will fail with C# in WinXp, Win7, Win8 and Win10. Confusingly the arduino ide java serial access works better with Win10 universal drivers than Microsoft’s own C# serial port object! Rule of thumb is use the correct driver for the OpSys that you are using.
  • Improved intellisense for SAMD boards (_asm_(x) and _Pragma(x))
  • Free Use: To keep support to a minimum, unlicenced users must update this software before Feb 2019


Buona installazione! Winking smile

Rispondo alla richiesta di un lettore…

Un mio lettore mi ha inviato un’e-mail con una serie di domande … visto che ogni tanto capita che ci siano delle domande ricorrenti sull’acquisto di Visual Studio, su un mio libro introvabile, sull’eventualità che io scriva e pubblichi altri libri, su consigli di altri libri sullo stesso argomento per principianti e così via, ho pensato di pubblicare la mia risposta (chiaramente senza nome del destinatario) in modo da aiutare chiunque avesse gli stessi problemi. Spero che vi possa essere utile! Winking smile


Buonasera …

Prima di rispondere alle domande, vorrei segnalare che non è necessario acquistare la licenza di Visual Studio 2017: infatti da un po’ di tempo (non ricordo se dalla versione 2013 o dalla 2015) esiste “Visual Studio Community 2017”, equivalente in tutto e per tutto alla versione Professional di Visual Studio 2017. Manca qualcosa che serve solo ai team di sviluppo e che quindi non è significativo per gli sviluppatori individuali, quindi può tranquillamente installarlo “a tempo indeterminato”, con licenza che autorizza anche alla produzione di applicazioni destinate alla vendita, quindi non ci sono problemi. Unica accortezza è che non può essere utilizzato da gruppi di oltre 5 sviluppatori oppure all’interno di aziende di medio-grande dimensione (il riferimento se non sbaglio è a 1.000.000 di dollari di fatturato). Per scaricarlo può utilizzare questo link: https://www.visualstudio.com/it/thank-you-downloading-visual-studio/?sku=Community&rel=15.

Per quanto riguarda il mio libro “Visual Basic 2010 spiegato a mia nonna”, è un “tomo” di circa 800 pagine che inizia praticamente dal “livello zero” della programmazione per poi andare gradualmente in crescita, sia per impegno che per difficoltà, fino a un livello medio-avanzato. Leggendo con attenzione i capitoli iniziali e sperimentando in prima persona i programmi sono sicuro che si può raggiungere un livello soddisfacente di autonomia, anche per chi parte da zero.

Il libro in versione cartacea è ormai quasi introvabile, qualche volta vedo che ci sono singoli “resi” all’editore, quindi periodicamente si potrebbe provare a contattarli per vedere se ne è tornato indietro almeno uno. In alternativa è sempre possibile acquistare il libro in versione “ebook”, cioè digitale. Può essere una soluzione per risparmiare qualcosa, anche se io stesso avrei un po’ di difficoltà a leggere a lungo un libro sullo schermo di un PC… con un Kindle potrebbe andare meglio, la versione Kindle è acquistabile da Amazon qui: https://www.amazon.it/Visual-Basic-2010-spiegato-nonna-ebook/dp/B006B1Y6XO. Come vedrà ci sono commenti discordanti: per qualcuno è troppo difficile, per qualcun altro è adatto ai principianti… la valutazione è assolutamente personale ed è difficile affermare con certezza una cosa o l’altra perché dipende anche dall’impegno e dalla costanza che ci si mette e dalle conoscenze acquisite in precedenza.

Nel 2017 avevo ipotizzato di scrivere una versione aggiornata del libro con un nuovo editore (LSWR.it) … senza la nonna, perché il ramo d’azienda è stato acquistato appunto da LSWR.it dove non sono più interessati a questa tipologia di testo (cioè alla nonna!). Con loro ho pubblicato il mio nuovo libro su SQL Server 2016 che però non ha avuto fortuna come i libri precedenti e quindi ho deciso di rinunciare. Non ha senso lavorare un anno per poi raccogliere poco più che “spiccioli”, non so se mi spiego. In futuro non si può mai dire, è possibile che io riveda il testo e lo pubblichi in autonomia su Amazon.it, in modo da avere io qualche guadagno in più e di ridurre il costo del libro per il lettore che lo acquista. Sto anche cercando di sperimentare una applicazione per Microsoft Store, destinata ai PC desktop o portatili con Windows 10, ma il progetto è ancora in corso.

Libri alternativi ne conosco, ma la stragrande maggioranza è in lingua inglese. Per l’Italia io “mi sono ritirato”, l’amico Francesco Balena anche (per gli stessi miei motivi)… gli unici che resistono sono quelli del gruppo di ASPItalia.com che periodicamente escono con un libro scritto in più programmatori, come questo libro su Visual Basic 2015 scritto da ben 6 programmatori: https://www.amazon.it/Visual-basic-2015-completa-sviluppatore/dp/8820371006. Anche in questo caso non mi risulta che sia uscita la versione 2017. Non so se ci stanno lavorando o se hanno rinunciato anche loro, considerato che Visual Studio ormai cambia troppo velocemente: non si fa in tempo a finire di scrivere un libro che esce la nuova versione!

C’è però da dire che per quanto riguarda le basi del linguaggio e la programmazione orientata agli oggetti (OOP) le tecniche sono più o meno le stesse dalla prima versione di VB.NET in poi: sono state aggiunte nuove tecniche, ma la base è la stessa, quindi anche un libro sulla versione 2010 o sulla versione 2015 può andare bene per imparare il linguaggio. Molto spesso cambia l’interfaccia grafica e vengono aggiunte nuove funzionalità a Visual Studio, quindi potrebbero esserci delle differenze sui menu, sulle finestre e su qualche caratteristica modificata o introdotta con la nuova versione.

Spero di aver risposto chiaramente a tutte le domande e spero che lei possa trovare il modo per soddisfare il suo desiderio di imparare Visual Basic!


Un mio nuovo articolo su ioProgrammo di questo mese (n. 222)

Nel n. 222 di IoProgrammo, in edicola a gennaio, potete trovare un mio articolo sulla conversione di applicazioni “Desktop” (Windows Forms o WPF) per Microsoft Store, in modo da poterle veicolare su una piattaforma mondiale che ci permette di vendere i nostri prodotti in modo facile e ben visibile. Non solo: Microsoft Store gestisce i pagamenti dai clienti che installano le nostre app e gestisce i compensi agli autori delle app, fornisce uno strumento facile e trasparente per gli aggiornamenti, via via che li pubblichiamo, e ci permette di monitorare il numero di visitatori alla pagina della app, le installazioni, l’utilizzo e gli eventuali blocchi improvvisi (crash).

Nell’immagine seguente potete vedere la prima di copertina con il titolo del mio articolo evidenziato con un riquadro blu:


IoProgrammo


L’articolo evidenziato in giallo, invece, è stato scritto da Antonio Pelleriti (https://www.facebook.com/antonio.pelleriti) che segnalo perché è un argomento assolutamente interessante.

Buona lettura! Winking smile


Aggiornamento di Visual Studio 2017 alla versione 15.5.4

Pochi giorni fa ho pubblicato un post sull’annuncio di Visual Studio 15.6 (Preview).

Intanto che aspettiamo questa nuova “minor version”, ecco che Visual Studio 2017 viene aggiornato con la versione 15.5.4, ma si tratta solo di un aggiornamento per correggere alcuni bug del software (confrontate qui), quindi non contiene nuove funzionalità.

Visual Studio 2017 version 15.5.4 is now available

Buon aggiornamento! Winking smile

Non fate l’aggiornamento dell’add-in "Arduino for Visual Studio"…

Se avete installato l’add-in “Arduino for Visual Studio” per poter programmare gli sketch direttamente nell’editor di codice di Visual Studio 2017 (o versioni precedenti), probabilmente in questi giorni avrete visto che tra gli aggiornamenti è prevista proprio la nuova versione di questo add-in e precisamente la Release 1801.14 del 14 gennaio 2017.

Se però aprite la pagina dedicata al progetto, dalla quale potete anche scaricare il pacchetto di installazione del prodotto, potrete vedere che le righe di descrizione (le “Release Notes”) della versione che ho appena indicato sono completamente barrate:


image


Non sembrano esserci delle spiegazioni sui motivi che hanno indotto il team di sviluppo a barrare la descrizione e quindi non è dato sapere cosa sia successo, anche perché l’aggiornamento dell’add-in che ho provato in prima persona è andato a buon fine.

Ho provato a creare una nuova applicazione Visual C++ > Visual Micro > Blink Led Example e sembra essere totalmente funzionante, compreso il supporto di IntelliSense per il completamento delle parole chiave del linguaggio e dei parametri delle istruzioni.

Vedremo prossimamente se l’add-in sarà ulteriormente aggiornato o se invece sarà sistemata la pagina di supporto.

Buon Arduino a tutti!  Winking smile


Altri due miei articoli su ioProgrammo

Nel numero di dicembre 2017 di ioProgrammo potete trovare due miei articoli su Machine Learning:

– “Il computer che impara“, algoritmi e tecniche di previsione con un servizio Microsoft

– “SQL Server 2017 è qui!“, con una parte dell’articolo che spiega l’applicazione delle tecniche di Machine Learning in SQL Server.

Se vi interessa l’argomento, quindi, acquistate ioProgrammo!


26903953_10213696427956457_5934473290513948998_n

Buona lettura! Winking smile

Visual Studio 2017 – Annuncio della versione 15.6 (preview)

Il team di sviluppo di Visual Studio 2017 ha annunciato nel suo blog il rilascio della versione 15.6 (in preview) e della versione 7.4 per Mac (anche questa in preview): https://blogs.msdn.microsoft.com/visualstudio/2018/01/10/visual-studio-2017-version-15-6-preview-2-and-visual-studio-for-mac-version-7-4-preview/

Tra le varie novità (nel post precedente avevo segnalato la funzione di duplicazione di righe o blocchi di codice) c’è la possibilità di andare alla definizione dei sorgenti decompilati con ILSpy.

Altre novità riguardano gli strumenti di diagnostica, lo sviluppo in C++, lo sviluppo per Azure, una vista gerarchica per la finestra Test Explorer e aggiornamenti a Xamarin.

Visual Studio 2017 versione 15.6 (Preview)

Nella Preview della versione 15.6 di Visual Studio 2017 è prevista una funzioncina tutto sommato piccola, ma molto utile: invece di utilizzare la Clipboard standard di Windows per copiare linee o interi blocchi di codice con la classica combinazione CTRL+C, CTRL+V ora è possibile utilizzare la combinazione CTRL+E, V. In questo modo non si cancellerà il contenuto della Clipboard di Windows che pertanto resta con il contenuto precedente.

La funzione di duplicazione è disponibile anche nel menu Edit, quindi potete utilizzare il percorso Edit > Duplicate, dopo aver selezionato una o più righe di codice da copiare.

Ecco un paio di immagini:

01

02

(Fonte: Daily .NET Tips – http://dailydotnettips.com/2018/01/12/did-you-know-now-you-can-duplicate-line-of-code-without-loosing-your-clipboard-content-within-visual-studio/)

Un traguardo per questo blog…

Prima che il 2017 fosse terminato, questo blog ha raggiunto un numero di visite piuttosto importante (almeno per me…):

650000

Grazie a tutti! Winking smile