F# in pillole: introduzione alle variabili

Una variabile è una sezione della memoria centrale che viene utilizzata per mantenere temporaneamente un valore.

Per riservare una porzione di memoria bisogna dichiarare una variabile. Naturalmente in tutti i linguaggi ci sono delle regole da seguire: F# non fa eccezione su questo fatto.

Per dichiarare una variabile bisogna utilizzare l’operatore let, seguito dal nome di una variabile, e assegnare a tale variabile un valore utilizzando l’operatore di assegnazione “=”. Lo schema da seguire è il seguente:

let variabile = "pippo"

Altro esempio:

let numero = 1234

Come abbiamo visto in precedenza (funzioni printf e printfn), le dichiarazioni possono terminare con un punto e virgola (;) oppure no. La dichiarazione di cui sopra può essere scritta anche come

let numero = 1234;

Anche se abbiamo dichiarato e inizializzato la variabile in una unica riga, possiamo comunque spostare l’inizializzazione in una riga diversa. In questo caso, il codice della riga successiva deve essere “indentato” (cioè fatto rientrare di qualche carattere). Ecco un esempio:

let numero = 
1234

oppure, ancora:

let numero = 
1234;

Invece di dichiarare una variabile sola, ovviamente è possibile dichiararne più di una. Ogni variabile deve essere dichiarata su una riga diversa, senza indentazione, utilizzando per ciascuna dichiarazione la parola chiave let e la sua inizializzazione. Ecco alcuni esempi:

let numero1 = 1234
let numero2 = 5678
let numero3 = 4433

C’è un’alternativa: è possibile dichiarare con una sola parola let tutte le variabili separate da una virgola e inserendo le assegnazioni dopo l’operatore di assegnazione “=”, anche queste separate da una virgola. Le assegnazioni saranno effettuate nell’ordine in cui i vari elementi appaiono. Ecco l’esempio equivalente all’esempio precedente:

let numero1, numero2, numero3 = 1234, 5678, 4433

Le variabili non devono essere necessariamente dello stesso tipo. Per esempio:

let numero1, cognome, genere = 1234, "Rossi", 'M'

Se una istruzione di inizializzazione è troppo lunga, ricordatevi che potete sempre dividere la stessa e continuare nella riga successiva (in questo caso sempre indentando il codice). Ecco l’esempio:

let numero1, cognome, genere = 
1234, "Rossi", 'M'

Pubblicato il 19 giugno 2015 su Novità. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: